DISCLAIMER

Our systems have detected that you are using a computer with an IP address located in the USA.
If you are currently not located in the USA, please click “Continue” in order to access our Website.

Local restrictions - provision of cross-border services

Swissquote Bank Ltd (“Swissquote”) is a bank licensed in Switzerland under the supervision of the Swiss Financial Market Supervisory Authority (FINMA). Swissquote is not authorized as a bank or broker by any US authority (such as the CFTC or SEC) neither is it authorized to disseminate offering and solicitation materials for offshore sales of securities and investment services, to make financial promotion or conduct investment or banking activity in the USA whatsoever.

This website may however contain information about services and products that may be considered by US authorities as an invitation or inducement to engage in investment activity having an effect in the USA.

By clicking “Continue”, you confirm that you have read and understood this legal information and that you access the website on your own initiative and without any solicitation from Swissquote.

Research Market strategy
by Swissquote Analysts
Daily Market Brief

I mercati sono preoccupati

1

I mercati sono preoccupati

By Vincent Mivelaz

I mercati azionari sono davanti a un “muro di preoccupazioni” generate da vari eventi. Dopo l’entusiasmo iniziale per i negoziati commerciali fra USA e Cina protrattisi per tre giorni, la mancanza di progressi concreti e il silenzio dei partecipanti stanno spingendo gli investitori verso la prudenza. È stata raggiunta una tregua? Ancora non si sa. Nonostante l’ascesa dell’indice Hang Seng, salito per il quinto giorno consecutivo, del +0,22%, le borse asiatiche sono in difficoltà. Sta emergendo il rallentamento dell’economia cinese: i dati IPC e IPP di dicembre inferiori alle attese, pari all’1,90% e allo 0,90%, coincidono con i minimi da 6 e 27 mesi; il calo delle vendite di auto nel 2018, il primo da 20 anni, e i dazi americani del 25% (in rialzo dal 10%) su merci cinesi per un valore di USD 200 miliardi in vigore dal 2 marzo 2019. Anche le piazze europee sono deboli, il piano per la Brexit della premier britannica May non piace al suo parlamento, che il 15 gennaio dovrebbe bocciare i termini proposti nell’Accordo di Recesso.

L’USD si sta riprendendo dal brusco calo di ieri (-0,71%), che l’aveva fatto scendere ai minimi dall’ottobre del 2018, dopo che la Federal Reserve Usa ha detto che nel 2019 sarà cauta nel tagliare i tassi d’interesse. Attualmente a 1,1525, la coppia EUR/USD dovrebbe flettere verso 1,15.

 
Live chat