DISCLAIMER

Our systems have detected that you are using a computer with an IP address located in the USA.
If you are currently not located in the USA, please click “Continue” in order to access our Website.

Local restrictions - provision of cross-border services

Swissquote Bank Ltd (“Swissquote”) is a bank licensed in Switzerland under the supervision of the Swiss Financial Market Supervisory Authority (FINMA). Swissquote is not authorized as a bank or broker by any US authority (such as the CFTC or SEC) neither is it authorized to disseminate offering and solicitation materials for offshore sales of securities and investment services, to make financial promotion or conduct investment or banking activity in the USA whatsoever.

This website may however contain information about services and products that may be considered by US authorities as an invitation or inducement to engage in investment activity having an effect in the USA.

By clicking “Continue”, you confirm that you have read and understood this legal information and that you access the website on your own initiative and without any solicitation from Swissquote.

Research Market strategy
by Swissquote Analysts
Daily Market Brief

Brexit in arrivo a tutta velocità

1

Brexit in arrivo a tutta velocità

By Peter Rosenstreich

La Brexit si avvicina. Stiamo sfrecciando verso il 29 marzo e sono pochi gli elementi di prova che l’UE e il Regno Unito siano più vicini a una soluzione. La politica dei rischi calcolati ha danneggiato la GBP (anche se nemmeno l’euro sta andando bene), con i trader che vendono i rialzi e comprano la bassa volatilità.

Oggi la premier britannica Theresa May ragguaglierà la Camera dei Comuni sui progressi nei negoziati per la Brexit. Dubitiamo che ci siano delle svolte. May dovrebbe annunciare un voto per il 27 febbraio, cosa che probabilmente non accontenterà nessuno. I fautori del Remain hanno bisogno di un nuovo espediente, dal momento che l’ultimo voto – una perdita schiacciante per May – non è bastato a stravolgere l’ordine politico. Michel Barnier, capo negoziatore della Brexit per l’Unione Europea, ha suggerito a May di appoggiare un’unione doganale permanente, soluzione sostenuta anche dal partito di opposizione laburista britannico.

L’economia britannica dà chiari segnali di indebolimento. Il forte calo degli investimenti è dovuto all’incertezza per la Brexit. È semplicemente una questione di buon senso. Il PIL britannico del T4 è sceso allo 0,2%, in calo rispetto al +0,6% del T3. Nel 2018, la crescita del PIL è scesa ai minimi dal 2012, pari all’1,4%, in frenata rispetto all’1,8% del 2017. Alla luce di un simile rallentamento in Europa, è difficile dire come si sarebbe comportato il Regno Unito senza lo spettro della Brexit. Le previsioni sulla crescita italiana sono state riviste al ribasso, dall’1,2% a un misero 0,2%.

Dazi sino-americani rinviati?

By Vincent Mivelaz

Lunedì sono ripresi i negoziati commerciali, che sembrano su una buona strada. Funzionari di medio livello hanno aperto le discussioni, mentre gli amministratori di alto rango, inclusi il Rappresentante al Commercio USA Robert Lighthizer, il Segretario al Tesoro USA Steven Mnuchin e il vice premier cinese Liu He, dovrebbero assumere la guida giovedì e venerdì. Supponiamo che i progressi potrebbero portare a un incontro fra Trump e Xi entro metà marzo e che i dazi USA saranno rinviati. L’USD/CNY al momento scambia a 6,7798, nel breve termine si dirigerà verso quota 6,7745.

In Cina, i consumi si attestano ai minimi da 15 anni e i dati commerciali mostrano chiari segnali di debolezza. A gennaio le importazioni sono calate del 10%, si tratta della maggiore flessione dal luglio del 2016. L’economia cinese dovrebbe rallentare più bruscamente di quanto si pensava inizialmente, anche se probabilmente le vacanze per il Nuovo Anno lunare hanno colpito l’attività di gennaio e febbraio. Il conflitto commerciale sino-americano potrebbe indebolire le cifre riferite al manifatturiero e al commercio, ma il calo della domanda interna gioca un ruolo più importante. Per stimolarla, le autorità saranno così costrette a ridurre i dazi sulle importazioni e iniettare liquidità.

 
Live chat