DISCLAIMER

Our systems have detected that you are using a computer with an IP address located in the USA.
If you are currently not located in the USA, please click “Continue” in order to access our Website.

Local restrictions - provision of cross-border services

Swissquote Bank Ltd (“Swissquote”) is a bank licensed in Switzerland under the supervision of the Swiss Financial Market Supervisory Authority (FINMA). Swissquote is not authorized as a bank or broker by any US authority (such as the CFTC or SEC) neither is it authorized to disseminate offering and solicitation materials for offshore sales of securities and investment services, to make financial promotion or conduct investment or banking activity in the USA whatsoever.

This website may however contain information about services and products that may be considered by US authorities as an invitation or inducement to engage in investment activity having an effect in the USA.

By clicking “Continue”, you confirm that you have read and understood this legal information and that you access the website on your own initiative and without any solicitation from Swissquote.

Research Market strategy
by Swissquote Analysts
Daily Market Brief

Crollo dei mercati sullo stallo dei negoziati commerciali

1

Scivolone dei mercati sull’escalation delle tensioni commerciali fra USA e Cina

By Arnaud Masset

Lunedì le borse mondiali hanno accusato un calo generalizzato: gli investitori attendono, infatti, i dettagli dei dazi USA su merci importate dalla Cina per un valore pari a $300 miliardi. Le piazze europee hanno seguito la scia dell’Asia, con il DAX tedesco sceso dello 0,80%, a un nuovo minimo mensile. Anche Wall Street è crollata, i future front-month sull’S&P 500 cedono più dell’1,30%, a 2.845 punti. In Svizzera, l’SMI ha perso lo 0,60%, toccando i 9.380 punti, minimo dal 15 aprile.

Sul mercato forex, lo yen giapponese, il franco svizzero e il biglietto verde hanno tratto beneficio dal deterioramento della propensione al rischio. Il franco svizzero ha continuato ad apprezzarsi contro il dollaro e l’USD/CHF sta scivolando verso la parità. Nelle ultime tre settimane, il franco svizzero si è apprezzato più dell’1,40% contro il dollaro. Analogamente, l’USD/JPY sta testando di nuovo il supporto a 109,50, per la terza volta dall’inizio di febbraio. A sorpresa, il metallo giallo sta facendo fatica ad apprezzarsi nonostante l’aumento dell’incertezza. Lunedì mattina il prezzo di un’oncia d’oro è sceso a 1.283,60, in calo dello 0,20% durante la seduta.

Questa settimana sarà un campo minato per gli investitori, che rimangono in balia dei tweet casuali di Donald Trump. Sembra che Cina e USA ora stiano cercando di rassicurare la comunità internazionale sul fatto che stanno ancora lavorando a un accordo. Evidentemente, però, è chiaro che non si fidano l’uno dell’altro ed è arduo raggiungere un accordo quando manca la fiducia. È difficile dire se un accordo è fattibile o se la relazione sino-cinese è destinata a fallire. Nel frattempo, le condizioni di mercato rimangono incostanti e vaghe.

 
Live chat