DISCLAIMER

Our systems have detected that you are using a computer with an IP address located in the USA.
If you are currently not located in the USA, please click “Continue” in order to access our Website.

Local restrictions - provision of cross-border services

Swissquote Bank Ltd (“Swissquote”) is a bank licensed in Switzerland under the supervision of the Swiss Financial Market Supervisory Authority (FINMA). Swissquote is not authorized as a bank or broker by any US authority (such as the CFTC or SEC) neither is it authorized to disseminate offering and solicitation materials for offshore sales of securities and investment services, to make financial promotion or conduct investment or banking activity in the USA whatsoever.

This website may however contain information about services and products that may be considered by US authorities as an invitation or inducement to engage in investment activity having an effect in the USA.

By clicking “Continue”, you confirm that you have read and understood this legal information and that you access the website on your own initiative and without any solicitation from Swissquote.

Research Market strategy
by Swissquote Analysts
Daily Market Brief

L’INR si prepara al rimbalzo con l’avvicinarsi dell’esito delle elezioni federali

1

L’INR si prepara al rimbalzo con l’avvicinarsi dell’esito delle elezioni federali

By Vincent Mivelaz

Per l’Alleanza Nazionale Democratica di Modi si avvicina il momento della verità; giovedì, infatti, saranno annunciati i risultati delle elezioni federali. Sei sondaggi su sette prevedono una maggioranza assoluta per la coalizione guidata dal partito Bharatiya Jana Party (BJP) del primo ministro Narendra Modi, che dovrebbe superare la soglia di maggioranza dei 272 seggi alla camera bassa del parlamento. È una notizia molto positiva per gli investitori: la conferma del primo ministro Modi in una posizione rafforzata consentirebbe infatti al governo di elaborare un piano di spesa senza troppe obiezioni.

La crescita economica si è indebolita fino a toccare il minimo da sei trimestri (PIL a/a T4 2018: 6,60%), per cui il BJP intende portare avanti un piano quinquennale che comprende spese infrastrutturali pari a 100 mila miliardi di rupie ($1,44 mila miliardi), destinando inoltre 25 mila miliardi di rupie ($358,68 miliardi) ad agricoltura e sviluppo rurale. Questa decisione arriverebbe al momento opportuno anche la banca centrale d’India (Reserve Bank of India, RBI), che quest’anno ha già tagliato due volte il tasso (al momento pari al 6%) e attuerà un’altra riduzione di 0,25 punti percentuali a giugno 2019 sulla scia delle continue tensioni commerciali. In prospettiva, quindi, c’è poco potenziale al rialzo per l’INR, anche se notizie positive legate ai risultati delle elezioni avvantaggerebbero soprattutto azioni e titoli di Stato Indiani, nonché l’INR.

Al momento a quota 69,6687, nel breve termine l’USD/INR si avvicina a 69,46, perché stasera saranno pubblicati i verbali della riunione di aprile/maggio della Fed.

 
Live chat